Antropotiko Tefteri. Canzoni per un’odissea intorno all’uomo

20 Vinicio Capossela

Antropotiko Tefteri. Canzoni per un’odissea intorno all’uomo

€ 7.00
Domenica 26 Maggio 2013 21.00
teatro Manzoni 4

Nel greco moderno Tefteri è la libretta dei conti che nei negozi di alimentari si usa per segnare i conti da saldare il giorno di paga. Antropos, in greco antico, era la parola che definiva l’uomo, significa “il guardante in alto”, perché all’uomo è dato di alzare lo sguardo al cielo. Alzare lo sguardo significa anche interrogarsi, provare a indagarlo, avvertire l’opera del tempo e meravigliarsi delle cose. Il suffisso “tiko” fa riferimento a una musica di sradicamento e di esilio nata in Grecia dopo la guerra greco turca del ’22: il rebetiko. L’antropotiko tefteri sono gli appunti di viaggio intorno all’uomo, i suoi conti in sospeso, con riferimento alla Grecia, dal viaggio di Odisseo in poi. Il viaggio per racconti e canzoni di questo concerto inedito è compiuto da una “compagnia picciola”: il pianoforte a vela, campionamenti e theremin, un lauto, nell’intento di rievocare il senso di meraviglia che ha avvinto l’uomo al canto delle sirene e che gli ha fatto turare le orecchie per incatenarsi alla catena corta delle abitudini.


Vinicio Capossela, cantautore fantasmagorico, poeta, scrittore, ma anche illusionista e uomo-spettacolo, ha debuttato nel 1990 con il disco All’una e trentacinque circa sotto l’egida di Renzo Fantini (Targa Tenco Opera Prima, premio che riceverà altre tre volte). Dopo i primi dischi “pre-biografici”, rivolge la sua attenzione a temi più universali, spesso ispirati alla grande letteratura, da Melville a Céline, Dante e Omero. Lavori come Ovunque Proteggi, Da Solo e Marinai, Profeti e Balene vengono messi in scena come opere totali. Ha scritto: Tefteri. Il libro dei conti in sospeso (2013, il Saggiatore); Non si muore tutte le mattine (2004), In clandestinità. Mr Pall incontra Mr Mall (con C. Vincenzo, 2009) e Il Paese dei Coppoloni (2015) per Feltrinelli.

Scarica la App dei Dialoghi

Home