Siamo individui o condividui? Un incontro tra biologia e antropologia

7 Elena Gagliasso con Francesco Remotti

Siamo individui o condividui? Un incontro tra biologia e antropologia

€ 3.00
Sabato 25 Maggio 2019 11.00
piazza San Bartolomeo 1

Nulla di più naturale che pensarci come individui: “io sono io e basta”. Presso altre società gli antropologi si sono imbattuti in modi assai diversi di rappresentare l’io o la persona, cioè come esseri plurali e divisibili, a cui hanno dato il nome di dividui. Riflettendoci, si scopre che questi esseri spesso sono anche concepiti come piccole società. L’io è un insieme, una convivenza, non un individuo, e nemmeno un “dividuo”, ma un condividuo. Gli antropologi credevano di avere fatto una bella scoperta. E invece no: anche i biologi, da quando hanno iniziato a studiare i microorganismi e le forme di simbiosi interne, hanno messo in discussione il concetto di individuo e di identità individuale e scoperto che quelli che noi chiamiamo normalmente individui in realtà sono “condividui”. Insomma, biologi e antropologi hanno percorso due strade lontane tra loro che, però, a un certo punto si incrociano, con soddisfazione di entrambi (e forse non solo loro).


Elena Gagliasso, docente di Filosofia della scienza all’Università La Sapienza, ha diretto il centro di ricerca Res Viva ed è membro dell’Associazione Donne&Scienza. La sua ricerca spazia dalla filosofia della biologia ai rapporti tra scienza, filosofia e società. È autrice e curatrice di vari libri, tra cui: Verso un’epistemologia del mondo vivente (Guerini, 2001) e Percorsi evolutivi (Franco Angeli, 2016).

Elena Gagliasso & i Dialoghi

Francesco Remotti, professore emerito di Antropologia culturale, socio dell’Accademia delle Scienze di Torino e dell’Accademia dei Lincei, ha compiuto ricerche etnografiche e storiche tra i Banande della Repubblica Democratica del Congo e sui regni dell’Africa equatoriale. Ha sviluppato riflessioni teoriche sul concetto di identità e sull’antropo-poiesi, come attestano le sue numerose pubblicazioni. Tra le sue pubblicazioni più significative ricordiamo: Contro l’identità (Laterza, 1996), Contro natura. Una lettera al Papa (Laterza, 2008), Noi, primitivi. Lo specchio dell’antropologia (Bollati Boringhieri, 2009), L’ossessione identitaria (Laterza, 2010), Cultura. Dalla complessità all’impoverimento (Laterza, 2011), Fare umanità. I drammi dell’antropo-poiesi (Laterza, 2013), Somiglianze. Una via per la convivenza (Laterza, 2019).

Scarica la App dei Dialoghi

Home