A fior di pelle. La cultura del cambiamento estetico, ieri e oggi

8 Rossella Ghigi

A fior di pelle. La cultura del cambiamento estetico, ieri e oggi

€ 3.00
Sabato 28 Maggio 2011 15.30
teatro Bolognini 5

Non esiste società che non abbia celebrato un aspetto ideale per i suoi membri, popolazione che non sia intervenuta sul corpo per donargli una apparenza virtuosa. La storia della trasformazione chirurgica a fini estetici è secolare; ciò che accomuna epoche molto diverse non è tanto l’elogio dell’artificio, ma la volontà di eludere dettami di esclusione sociale. Oggi, la banalizzazione della chirurgia estetica rappresenta una rottura rispetto al passato, in quanto esperienza liberatoria e responsabilizzazione del singolo rispetto alla propria apparenza fisica. Queste novità nella cultura della modifica corporea si osservano anche tra i giovani, per i quali investire nel proprio capitale estetico può essere una “scorciatoia sociale”. Questa tesi è confermata dai dati di una recente ricerca, presentata per la prima volta, sulle pratiche e gli atteggiamenti riguardo la modifica del corpo degli adolescenti. 


Audio

Rossella Ghigi è ricercatrice di Sociologia generale e Responsabile Scientifico del Centro Studi sul Genere e l'Educazione presso il Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna. Tra i suoi interessi di ricerca gli studi di genere, la cultura del corpo e i consumi, la discriminazione sociale. È autrice di numerose pubblicazioni tra cui: Per piacere. Storia culturale della chirurgia estetica (il Mulino, 2008); I complessi di Narciso. Gli uomini e la chirurgia estetica in Uomini e corpi. Una riflessione sui  rivestimenti della mascolinità (Franco Angeli, 2009); Fisiognomica e chirurgia estetica,  in Il volto nel pensiero contemporaneo (con L. Rodler, Il Pozzo di Giacobbe, 2010); Nature et artifice dans la chirurgie esthétique, in Multiples du social. Regards socio-anthropologiques (L'Harmattan, 2010). Ha curato il volume, di prossima pubblicazione nel 2011 Adolescenti in genere (Carocci).

Home